Sia chiaro!!

Qui nessuno vuole per forza puntare il dito verso questo o quel paese, etichettandolo come il più grande e recidivo truffatore del pianeta.

Ma devi riconoscere che la corsa al profitto ha fatto della Cina il paradiso della corruzione e, quindi, della frode.

alimenti industrialiMolti industriali agroalimentari cinesi sono pronti a tutto pur di arricchirsi in fretta, agevolati dalla corruzione generalizzata, da controlli scadenti e da una regolamentazione lassista.

Ora ti racconto qualcosa al riguardo.

Settembre 2008: scoppia in Cina lo scandalo del latte contaminato con la melammina (o cianurammide), sostanza tossica aggiunta fraudolentemente al latte per aumentare artificialmente il tasso di proteine e, quindi apparentemente, la qualità.

Devi sapere che la melammina provoca negli individui la formazione di calcoli responsabili di dolori renali e urinari che possono arrivare, nel caso di soggetti fragili come i bambini piccoli, all’insufficienza renale o addirittura alla necrosi dell’organo e alla morte.

Sfortunatamente il problema viene riscontrato anche nel latte in polvere e nel paese si ammalano, ufficialmente, più di 300.000 bambini, sei dei quali muoiono.

A seguito dell’inchiesta, i consumatori cinesi scoprono che 22 dei più grandi marchi agroalimentari del paese si dedicavano da anni a questa pratica.

Risultato dell’inchiesta: 42 arrestati per corruzione tra le autorità, 17 industriali sotto processo, dei quali 2 condannati a morte, e gli altri condannati a pene detentive che vanno dai cinque anni all’ergastolo.

Aprile 2011: circa 300.000 panini “ingialliti” tramite l’aggiunta di una pittura tossica per simulare la presenza di granoturco tra gli ingredienti, smerciati nei supermercati di Shanghai.

L’industriale responsabile non esitava a rimettere in commercio pane scaduto riconfezionato.

Settembre 2011: decine di arresti per la vendita di olio da frittura adulterato, dove per adulterato si intende che venivano utilizzati acque unte e residui di oli e altri grassi, recuperati nei ristoranti e persino negli scarichi, per essere riciclati come olio da tavola.

Novembre 2011: un centinaio di persone condannate, tra cui uno alla pena capitale, per traffico di maiali trattati con clenbuterolo, un anabolizzante cancerogeno che può portare a gravi effetti cardiovascolari e neurologici.

Tieni forte, Marzo 2013: Viene smantellata la “mafia del maiale” che smerciava come carne commestibile gli animali morti di malattia.

Maggio 2013: carne di topo o di volpe viene venduta come manzo o pecora.

Luglio 2014: uno stabilimento di Shanghai che produce nuggets di pollo, bistecche e polpette di manzo per McDonald’s e altri grandi nomi del fast food, viene chiuso per aver mischiato carne scaduta con carne fresca.

Ebbene, se pensi che tutto questo (e altro ancora) riguardi solo i consumatori cinesi, ti sbagli di grosso.

Quasi 5 miliardi di euro in prodotti alimentari cinesi sono stati esportati in Europa nel solo 2013 e scandali alimentari legati alla presenza di alte dosi di melammina sono stati rinvenuti nel 2008 in Francia, Belgio e Germania.

Ma la cosa che ti deve scandalizzare di più è che per mancanza di mezzi, ma soprattutto per mancanza di volontà politica, non ultimo il desiderio di non offendere questo grande partner che è la Cina, solo una piccolissima parte dei prodotti alimentari importati sono stati controllati per scoprire se contenessero o meno questa famigerata sostanza!!

Occhio a ciò che trovi sugli scaffali….!!!

 

Fonte: “Siete pazzi a mangiarlo” di Christophe Brusset

alimenti industriali

Per maggiori informazioni

Vai alla pagina Facebook