Alimentazione: la scoperta che viene da lontano.

Iniziando a leggermi potresti avere la sensazione che ciò che ho scritto non c’entri nulla con gli argomenti di questa pagina, gruppo o blog, ma ti esorto ad abbandonare superficialità e pregiudizio sommari (semmai tu ne fossi avvezzo all’uso indiscriminato!) e a continuare nella lettura di questo breve articolo perché poco più avanti troverai attinenza con la materia: salute strettamente legata all’alimentazione.

Allora, in questi giorni sto leggendo un libro dal titolo “I Rothschild e gli altri” di Pietro Ratto e chiunque conosca questo cognome (forse pochi) sa, o almeno crede di sapere, che l’ambito di azione di questa ricchissima e influente famiglia spazia in ben altri interessi rispetto ai motivi per cui io e te siamo qui.

Ma devo dire che quando mi sono trovato ad un certo punto del suddetto libro ed ho letto una notizia che mai mi sarei immaginato di trovarvi, sono rimasto stupito ma al tempo tesso confortato dal fatto di avere scovato un’ulteriore conferma di quanto avevo già appreso in passato, informandomi su letture molto più attinenti all’argomento specifico di cui ti accennerò tra poco.

alimentazionePer farla breve, immagina lo stupore (sempre che tu sia, come me, uno che si interessa anche solo minimamente di alimentazione legata alla salute e alla forma fisica…..ma se sei quì…!!) quando, leggendo un libro che tratta del percorso storico-finanziario della famiglia Rothschild e di tutti i suoi intrecci lobbistici e di potere, scopro che Heinrich Warburg (1883-1970), fisiologo di grande importanza, premio Nobel nel 1931 (uno degli eredi della potente famiglia Warburg, imparentata come tante altre ricche famiglie europee con i Rothschild e proprietaria negli anni 40 del secolo scorso della  IG Farben, futura Bayer, multinazionale che  forniva ai nazisti lo Zyklon-B per i campi di concentramento durante la seconda guerra mondiale e il cui colosso industriale venne trascinato alla sbarra nel Processo di Norimberga perché fu accertato che la multinazionale utilizzava cavie umane per i suoi esperimenti, prelevandole direttamente dai campi di concentramento nazisti), scoprì una causa del cancro!

Malattia che lo scienziato ha spiegato come derivante da un eccesso di acidità delle cellule corporee.

Infatti, tale eccesso sarebbe semplicemente il risultato di un’alimentazione scorretta, consistente nell’assunzione di cibi particolarmente in grado di diminuire il livello di pH delle nostre cellule, come lo zucchero raffinato e…..la carne!!

Mi spiego?

Già nel 1931 si sapeva che carne e conseguente acidità del corpo sono fertilizzanti per la crecita del cancro!

E lo scoprì un rappresentante di una delle lobby più potenti, quella del farmaco, che oggi prosperano sulla cura (dopo che ti sei ammalato) e non certo sulla prevenzione (spostando, appunto, l’attenzione dall’alimentazione) del tumore.

Lo sapevano già allora, ma hanno intrapreso una strada diversa perché altrimenti oggi non sarebbero le potenze economico-finaziarie che sono e che comandano il mondo, influenzando e determinando il pensiero comune (compreso quello medico).

Come ho letto da qualche parte (Dott. Franco Berrino), “una popolazione malata contribuisce ad aumentare il pil”!!

 

Vai alla pagina Facebook

alimentazione